pv3

Valentino Pagnin

DAL MONDO

Notizie, commentate senza pretese

SALUTE

Un bene prezioso, sottovalutato ?

SCRITTURA E LETTURA

Due attività che possono salvare la vita

CANCRO AL SENO e non solo

Persone che anche se ferite rinascono

LE COSE DEL "SOCIALE"

Come la rete snatura i rapporti sociali

OPINIONI A CONFRONTO

Opinioni, non insulti (che sono di moda)

A+ R A-

Claudia Mulas scintigrafia fatta

Scintigrafia fatta.

Ho sperato fino all'ultimo che mi dicessero che c'era un miglioramento, non dico una guarigione perché capisco che potrebbe essere utopia, ma il miglioramento lo aspettavo e quasi ci credevo.

Invece no...

colonna vertebrale, bacino, scapola destra...si sono aggiunte le costole sia a destra che a sinistra e la tibia destra, quest'ultima poi è incredibile, nella mia ignoranza non sapevo potesse espandersi alle gambe.

Ora sono stanca e demoralizzata, domani mi aspetta la tac e ci vado con uno spirito stanco e svogliato.

Dio mio...non c'è soluzione, continuo a sperare, ogni volta mi aspetto la notizia positiva, quella che mi cambierebbe di nuovo la vita,

invece no...

ogni volta si aggiunge un piccolo tassello e io sono già tanto stanca che prego di riuscire a trovare altra forza, altra energia per andare avanti.

Non ho molta scelta d'altronde no?

 

Speranza ...

cosa pensi che possano dirti di più o di diverso da quello che ti ha evidenziato la scintigrafia ?

E' doloroso e difficile da accettare, ma è una realtà.

Alla faccia di chi sostiene che esistono terapie alternative ... le indagini "ufficiali" non mentono.

Mi si pone una domanda : cosa farei io al tuo posto ?

Credo che mi ritirerei in una immensa e lunga pausa di riflessione.

Credo che smetterei di torturare la mia mente con fantascientifiche speranze illusorie.

Credo che andrei a "parlare chiaro" con l'oncologo per chiedergli a cosa servono ulteriori indagini se non a turbare ancora di più la mia mente.

Credo, che se avessi fede, inizierei a pregare il mio Dio.

Credo che cercherei la mia serenità concedendomi il lusso di dedicarmi agli altri, a domandarmi come posso aiutarli a prepararsi alla mia assenza.

 

{jcomments on}