Login Form

DEVI EFFETTUARE L'ACCESSO

Lettere all'Amministratore

 

Ciao ragazze.

Dopo una pessima esperienza con questo pseudo chirurgo ho deciso di annullare l' operazione e rivolgermi a un altro ospedale.

 

L'antefatto

Il chirurgo in questione, mi ha terrorizzato parlandomi subito di cancro, solo vedendo la mammografia.

Non mi ha neanche visitata, né tantomeno tranquillizzata.

E' "partito in quarta, ha prenotato una biopsia dopo un paio di giorni e operazione dopo dodici giorni, ancora prima di avere il risultato dell' istologico.

Mi ha fatto fare tutti gli esami che si fanno per una quadrantectomia.. quindi anche radiografia  al torace (non previsti nel caso di anestesia locale).

Mi ha fissato appuntamento in medicina nucleare: lui diceva che per accelerare i tempi ci dovevamo comportare come se fosse la cosa più grave di quanto effettivamente era e che

poi si faceva sempre in tempo, eventualmente, a disdire gli esami e cambiare tipo operazione.

Mi diceva TANTO QUASI SICUAMENTE È UN CANCRO.

Mi sono sentita manipolata perche ero in panico totale  e non riuscivo a ragionare con la mia testa.

Già di mio sono ipocondriaca.

Ho passato la settimana più brutta della mia vita.

Poi sono cominciate ad arrivarmi altre esperienze molto negative avute da donne come me su questo medico, che ha terrorizzato e operato altre donne anche se non ce n'era il bisogno.  Voci di Donne rimaste rovinate,  varie Donne.

Allora comincio a capire che c é qualcosa che non va.

Arriva il referto. È un tumore al grado  "B3".

Dopo una attenta e scrupolosa analisi e consulto anche con altre persone di questo gruppo che mi sono state vicine e di grande aiuto, decido di disdire assolutamente l' operazione

da questo sciacallo speculatore.

Il giorno dopo mi chiama direttamente lui, arrabbiato e quasi urlando mi ha chiesto perché io avessi disdetto, che non sono stata corretta perché avrei dovuto chiamare
direttamente  lui e non la segreteria, e che non si fa cosi perché lui si è impegnato a fondo per  me.

E inoltre continuava con il terrorismo psicologico dicendomi che c é poco da stare tranquilli perché  il "b3"  può  contenere un piccolo cancro nascosto.

Io gli ho spiegato che ho problemi in famiglia e nn posso operarmi ora.

Ma lui insisteva a pressarmi e spaventarmi. Ho chiuso la telefonata dicendogli che gli conviene mollarmi.

Io sono sconvolta e schifata.

Penso che tutte voi abbiate capito perché questo medico si sia comportato così.  

A me sinceramente non va di far finta di niente.

Vorrei denunciarlo o presentare un esposto.

Avete consigli ?

Secondo voi, a chi posso rivolgermi ?

Un caro saluto e grazie a tutti e tutte.

Se Se