Write a comment

Immaginate una forma di Parmigiano-Reggiano, coi suoi quaranta chili di bontà, etto più etto meno. Poi immaginate la sua crosta lucida e dorata, punzonata dalle scritte e dai simboli che ne certificano l'autenticità.

Poi... ehi, ma che cos'è quella? Una placchetta con un immagine di un uomo grasso e sofferente. E una scritta che la didascalizza: «Il Parmigiano Reggiano nuoce gravemente alla salute». Oppure: «Il formaggio rende diabetici».

Praticamente un incubo.

Eppure potrebbe andare davvero a finire così.

L'Oms, l'organizzazione mondiale della sanità, ha messo nel mirino le malattie non trasmissibili ma assai omicide come il diabete, il cancro, l'infarto.

Una vera e propria guerra santa, anzi sana: del resto sono le maggiori cause di mortalità al mondo, solo il cancro in un anno si porta via quasi nove milioni di persone e sbianchetta oltre 200 milioni di anni di vita potenziali.

E le malattie cardiovascolari fanno pure di peggio, nemico pubblico numero uno. Wanted.

L'organizzazione dell'Onu ha deciso che entro il 2030 le morti per questi fattori dovranno diminuire di almeno un terzo.

E tutti facciamo il tifo, ci mancherebbe.

Morire meno piace a tutti. La data fatidica è il prossimo 27 settembre 2018, quando all'Onu si discuterà di malattie non trasmissibili e si metterà ai voti una risoluzione che potrebbe prevedere elevate imposte e dissuasori di acquisto come i terrorizzanti avvisi tipo Marlboro sui cibi accusati di favorirle.

Però. Però nella black list dell'Oms, oltre a tanto junk food, rischiano di finire anche alcuni dei gioielli del made in Italy agroalimentare come il Parmigiano Reggiano, bocciato per una presenza di sale leggermente superiore alla quantità consigliata.

E come il Prosciutto di Parma, l'olio extravergine d'oliva, la pasta, la pizza. Alcune hit della dieta mediterranea così amata in tutto il mondo come elisir di lunga vita che vengono demonizzate da un giorno all'altro perché non abbastanza magri. Parificati al catrame delle sigarette che ci bituma i polmoni.

Meglio il cibo e la dieta americana,  Hot dog al ketchup e maionese, con patatine fritte con oli buoni per i diesel.

E la tanto decantata dieta mediterranea, patrimonio UNESCO dell'umanità, dove andrò a finire ?

Meglio i prodotti dell'industria delle multinazionali ... I formaggi fatti con latte in polvere e la mitica coca cola.

E se noi coinciassimo - tutti - a non andare più nel Mc Donalds italiani ?

Mi pare più che evidente che il problema non è il cancro ma la motivazione economica che ci sta dietro.

Si, perché è pagandolo negli states con un rincaro del 20 o 25%, non è più cancerogeno perchè se lo potrà permettere chi potrà permettersi anche di curarsi.... Ma non è che qualcuno vuole mettere zizzania in Europa o magari dare una lezione a chi si è presentato arrogante all'insegna del cambiamento decidendo unilateralmente di modificare situazioni di difficile equilibrio ?

Certo che chi l'ha pensata è un genio.

Una battaglia vinta in partenza, secondo me. augyri a tutti gli Italiani.

Say something here...
Cancel
Log in with ( Sign Up ? )
or post as a guest
Loading comment... The comment will be refreshed after 00:00.

Be the first to comment.