Terapia antalgica

 

Per i miei dolori neurologici non si trovava una strada risolutiva e quindi decisi di farmi vedere fa un anestesista sppecializzato in terapia antalgica (La terapia antalgica è una prestazione specialistica volta a sollevare il paziente da una sintomatologia dolorosa) Mi venne poposta una terapia di eletteostimolazione ( tecnica, che potrebbe spianare la strada a nuovi trattamenti per migliaia di persone che hanno pesanti dolori  alle gambe, utilizza una stimolazione elettrica mirata che fornisce delle scariche direttamente nel midollo spinale.10/2006-26 - IOavevo inteso che si trattva di una serie di sedute di stimolazione ed invece mi ricoverarono pwe un intervento chirurgico.

Impianto doppio catetere in scopia a T12-L1 prolunga esterna per trattamento provvisorio con transmitter esterno.

 

TERAPIA ANTALGICA - 05/11/2006 - 08/11/2006 - Impianto a doppia estensione 7479 TERAPIA ANTALGICA – Stimolatore Medtronic da 51cm connessa a elettrocateteri a T12-L1 e collegate a IPG Versitel 7427V

  • - 23/01/2007 Elettrodi sposiozinati
  • - 28/03/2007 Riposizionamento cateteri Dott. - Castelfranco
  •  13/11/2007 Visita  ( PD) consiglia rimozione elettrocateteri
  • - 12/12/2007 - Rimozione elettrocateteri e IPG Versitel 
  • Dopo l'installazione dell'impianto, retai ricoverato per un paio di giorni perché si era trattato di un vero e proprio intervento chirurgico in quanto il blocco grande venne posizionato davanti, soitttocutano, a sinistr dell'omblico mentre i due cateteri dovvano posizionarsi ditro laschiane, fino  dare delle stimolaioni lla spina dorsale Avanguardia di uno studio in atto ull'elettrostimolazione com terapia contro il dolore cronico. Tutto, teoricamente, molto corretto ma, probbilmente sarebb stato necessaio impostare un intervento con "calma" e verificare per bene la configurazione ele consguenze derivanti dalla presenza dell'impianto. Per esempio, non avrei più potuto fare risonanze magnetiche per eventuali approfondimenti sulla patologia, e questo dichirato direttamente dal fbbricante dell'impianto ma da una radiuografia eseguita in seguito, i due cateteri spinali e ne erano andati a spasso nelle mia schiena In definiytiva, dopo 5/6 mesi di sofferenza, e tre ore di intrvento in radioscopia, mi venne rimoso l'intero impianto Dulcis in fundo, mi venne rimproverato che il costo ch il SSN aveva sostenuto era supriore i 5.000 Euro.   

Stampa