In Ospedale a Mestre, dopo avevo segnalato alcune difficoltà visive, mi avevano sottoposto a due accertamenti: uno la misurazione del campo visivo e l'altro della funzionalità neurologica della vista. Per entrambe mi era stato anticipato verbalmente che si osserva una disfunzione. Provai più volte a chiedere informazioni su quelle due visite perché ne avrei chiesto copia per potermi ordinare degli occhiali nuovi visto che i miei li avevo distrutti in una caduta ed ero costretto d usarne un paio comprati da mio figlio in tabaccheria ( in emergenza, una sera ) ma ci vedevo realmente male ma non riuscii mai ad averne riscontro. così, dopo ever chiesto a Mirano se la mia documentazione era stata trasferita a loro da Mestre ed avendo avuto risposta negativa, chiesi a Milli di prenotarmi una visita oculistica urgente e dopo pochi giorni andai, ovviamente a pagamento. L'oculista mi vide e mi suggerì di fare subito un campo visivo perché si osservava una probabile lesione del nervo ottico, indagine che rifeci, ovviamente urgente ed a pagamento, che confermò il dubbio. Mi vennero prescritte delle lenti ma mi venne anche detto i non aspettarmi  miracoli considerata l'origine dl disturbo. E così fu perché dopo aver ordinato e profumatamente pagato i nuovi occhiali, il miglioramento non fu quello desiderato o meglio, sperato. Non ero per null soddisfatto dagli occhiali ma compresi che si trattava del massimo che potevo aspettarmi. Speravo di poter riprendere a guidare ed a lavorare sereno al computer ed invece, tra ist bassa e tremori elle meni mi risultò immediatamente difficoltoso anche solo scrivere dei brevi messaggi su WatsApp. Ero dunque isolato, parlare non potevo, scrivere o meglio,  non ci riuscivo e non potevo muovermi di casa col discorso del covid, nessuno si fidava a venirmi a trovare. Le uniche uscite consenrite erano per ragioni mediche.

Tagged Under

COM_COMMENT_POWERED_BY

Search