Home

Chiudi Form

Cosa ne pensi ??

INVIA UN TUO COMMENTO

Il rispetto è un atteggiamento che favorisce le relazioni interpersonali adeguate e soddisfacenti. Esso è inoltre necessario per una convivenza senza conflitti, in cui si accettano le differenze tra le persone.

A cosa serve il rispetto?
Rispettare consiste nel misurarsi con le diverse posizioni dell’altra persona, e ci aiuta, quindi, a non giudicarla per la sua scelta o opinione.

Rispettare consiste nel tenere conto dell’altro nelle sue differenze individuali, senza cercare di manipolarle e senza pretendere che l’altro si comporti diversamente da come è.

Come si può riuscire a rispettare tutti?
Rispettare è rendersi conto che ogni persona ha diritto di scegliere di essere come è realmente, con il suo modo di pensare, di esprimere la propria opinione, di sentire, di agire e persino di scegliere i suoi gusti e le sue preferenze di vita.

Se ciascuno ha dunque il diritto di essere chi decide di essere, nessun altro può permettersi di obiettare o decidere per lui/lei.

Chiudi Form

Cosa ne pensi ??

INVIA UN TUO COMMENTO

 IL MIO BLOG 

Chiudi Form

Cosa ne pensi ??

INVIA UN TUO COMMENTO

Covid: in centinaia in centro a Bergamo, pandemia è fesseria

«Vogliamo la verità». All’inizio un minuto di silenzio per ricordare le vittime del Covid


'No paura day' contro mascherine e vaccini


ANSA) - Bergamo, 18 Aprile - Centinaia di persone si sono ritrovate nel tardo pomeriggio di oggi in centro a Bergamo, sul Sentierone, la principale strada pedonale della città bassa, nell'ambito del 'No paura day'. Presenti persone di ogni età, che hanno espresso il loro dissenso sulla gestione della pandemia nella città che, un anno fa, più di ogni altra ha sofferto per l'impatto del coronavirus.

Pressoché tutti indossavano comunque la mascherina e non ci sono stati problemi di ordine pubblico.

"Oggi verrà più volte chiesto di indossare la maschera, nonostante noi personalmente la riteniamo uno strumento inutile", avevano anticipato, annunciando un evento solo informativo e non dimostrativo. E così è stato.

"Libertà di scelta" e "No all'obbligo vaccinale" sono stati gli slogan più diffusi, ma anche "La pandemia è una fesseria". Frasi che, in una città che ha sofferto come Bergamo, non sono ovviamente passate inosservate, con molti passanti che hanno preso le distanze dalla manifestazione. (ANSA).

Ed allora, APRIAMO, un rischio calcolato

IO spro tanto di poter uscir dalla clausura forzata che, pr caso, per me è cominciata il 26/12/2019, ma mi fa tanta paura, con questi dati ancora maledettamente alti, e si che io almeno la prima dose di vaccino, Pfizer, l'ho già avuta, ma, come persona fragile per patologie pregresse, non mi sento affatto ancora al sicuro e poi, al sicuro non c'è nessuno finché non ci saremo vaccinati  TUTTI. 

 

 

3.981.512 casi confermati dal Ministero della Salute al 27 aprile 2021

Dimessi guariti 3.413.451 +14.688

Isolamento domiciliare 425.089 -4.239

Ricoverati con sintomi 20.312 -323

Terapia intensiva 2.748 -101

Deceduti* 119.912 +373

Persone Testate 99.016 +43.903

Rapporto Positivi / Persone Testate 10,5% ieri 15,3% * in attesa di verifica ISS. Nota:

Il numero tra parentesi indica la differenza rispetto al giorno precedente, per il "Rapporto positivi/persone testate" è riportato tra parentesi il valore del giorno precedente.

Chiudi Form

Cosa ne pensi ??

INVIA UN TUO COMMENTO


Login Form