Write a comment

L'ultimatum di Salvini a Fazio: "Si tagli lo stipendio entro 48 ore"
Ancora un capitolo della querelle tra Matteo Salvini e Fabio Fazio. Il ministro dell'Interno ha attaccato nuovamente il conduttore televisivo

Pina Francone - Ven, 03/05/2019

Ancora un capitolo della querelle tra Matteo Salvini e Fabio Fazio.

Il ministro dell'Interno e leader della Lega ha attaccato nuovamente il conduttore televisivo dal palco di Reggio Emilia, dove stava tenendo un comizio elettorale in vista delle elezioni comunali – in concomitanza con le Europee – del 26 maggio prossimo: un'altra città roccaforte della sinistra italiana potrebbe cadere, passando al centrodestra a trazione leghista.
Infiammando la folla, il numero uno del Carroccio ha tirato l'ennesima frecciatina a Fazio per il suo lauto stipendio da uomo Rai: "Ci sono due categorie in Italia, i giudici e i Fabio Fazio, che non pagano gli eventuali errori che commettono […] Mi perdonerete se domenica sera mi aveva invitato ma non sarà ospite suo, perché tanto è tempo perso…".

Dunque, il responsabile del Viminale ha affondato il colpo, lanciando la sfida al volto di Che tempo che fa: "Ho detto che vado a piedi da Reggio a Milano se Fazio si dimezza lo stipendio milionario, ha ancora due giorni di tempo. Ma ho come idea che non sarò suo ospite, perché ai compagni puoi toccare tutto ma non il portafogli...".

Già nelle scorse settimane Salvini, sulla questione del compenso a cifre blu, aveva dichiarato: "Trovo immorale che ci siano stipendi pagati da un'azienda pubblica che arrivano a milioni di euro. L'offerta è sempre valida. Se annuncia la disponibilità a ridursi il compenso, corro in ginocchio".

E così il prossimo 5 maggio nella serata televisiva di Che tempo che fa saranno ospiti Silvio Berlusconi, Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio, mentre Salvini, per l'appunto, darà buca in aperta polemica.

 

You must login to post a comment.
Loading comment... The comment will be refreshed after 00:00.

Be the first to comment.

You are not authorised to post comments.

Comments powered by CComment

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta