Sei qui

Write a comment

Prima radio

Ieri, quando hanno telefonato dll'ospedale per avvisare che avrei cominciato oggi, mi ha preso un'agitazione che conosco: d'un tratto, quello che aspettavo con ansia cominciava a fermi paura, il senso dell'incognito, di cosa sarebbe successo prima durante e dopo i primo trattamento di radioterapia.

Da una parte avevo desiderio di "andare a rivedere" in rete effetti e contro effetti della radioterapia, dll'altro lo temevo e quindi non l'ho fatto.

Stamattina, al contrario, ero tranquillo, come al solito avevo predisposto tutto il necessario per ogni evenienza relativa alla possibilità di respirare durante la terapia, non che pensassi che mi avrebbero soffocato, solamente evitare inutili perdite di tempo.

Sono arrivato, dopo essere passato in neurologia a portare dei documenti, ed ho avuto l'impressione che mi aspettassero.

L'istruzione era di arrivare almeno una ventina di minuti prima delle undici e cinquanta ed io alle undici e venticinque ero li.

Mi hanno fatto accomodare in una sala di attesa e dopo neanche dieci minuti, mi hanno chiamato, mi hanno fatto accomodare in uno spogliatoo e mi hanno trasmesso le istruzioni che avrei dovuto seguire per le altre ventinove volte che avrei dovuto recarmi li.

Molto semplice: esattamente come la preparazione per una radiografia.

Poco dopo mi hanno chiamato, fatto stendere su un lettino con un poggiatesta, dopodiché mi hanno bloccato la testa con la mia maschera.

Un rapido controllo della posizione, della respirazione e la raccomandazione di restare assolutamente fermo d'ora in poi.

Non ho avuto nessun problema, ho cercato di rilassarmi e di sfiorare il sonno, se riesci a non pensare a dove sei e perché ci sei, il tutto è molto più facile.

Il trattamento il se è durato pochi minuti, una decina o forse quindici, quindi il tempo di riequilibrarmi in piedi ed un arrivederci a domani.

Sono uscito, sceso, ho camminato controllando se il mio corpo mi inviava segnai strani e siccome non ne percepivo, sono salito nella mia macchina e sono rientrato a casa dopo aver avvisato Milli.

Leggo stasera che gli effetti collaterali potrebbero venire a galla più avanti, per il momento mi sento assolutamente normale e ne sono contento.

Domani la giornata si fa più dura perché dovrò andare in primissima mattinata a fare un prelievo del sangue, alle dieci la radioterapia ed alle dieci e mezza la chemioterapia, prima seduta.

Spero bene.

You must login to post a comment.
Loading comment... The comment will be refreshed after 00:00.

Be the first to comment.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta