Write a comment

I.N.R.

Finalmente sono arrivato a mettere apnto l' I.N.R. cioè i parametro di tempo di coagulazione del sangue: troppo alto rischio di emorragia, troppo basso di trombosi.

Se non bastavano i guai che mi ritrovavo, mi è vento fuori anche un fastidioso mal di denti, in realtà una sgradevole infezione alla radice di un dente devitalizzato quando ero giovane

Il dentista mi ha consigliato di farmi fare l'estrazione in anestesia locale, procedendo da sotto alla protesi fissa che mi ritrovo in bocca.

Questo sarebbe diventato un intervento chirurgico di fatto, al quale non avrei in nessun modo potuto essere sottoposto assumendo il Comadin, farmaco assolutamente essenziale in questa fase.

Avrei dovuto passare ad un trattamento a base di eparina altrimenti avrei rischiato una emorragia.

L'accordo era che, quando fossi passato all'eparina per l'intervento di laringectomia, avrei anticipato di qualche giorno e mi sarei prima fatto togliere questa radice estremamente fastidiosa.

Il fatto è che avendo spostato di così tanto tempo l'intervento principale, mi ritrovavo ad avere già fatto la terapia antibiotica per decongestionale la gengiva ma non potevo passare ad eparina perché la distanza tra i due interventi si era allungata escludendo la possibilità di associarli.

Passare ad eparina e poi tornare al Couadin, quindi nuovamente ad eparina, richiedeva un tempo molto lungo e soprattutto il dosaggio del Coumadin era difficile da centrare tanto che mi sono comprato un apparcchio, per nulla economico, per potermi auto eseguire i test ed evitare la ricerca della vena per i prelievi che ultimamente viaggiava sulla media di 4 o 5 tentativi alla volta.

Avevo le braccia ridotte come un drogato, da vergognarsi, ma adesso à estate, mica si può girare con maniche lunghe e collo alto !

Comunque non comprendo la casa farmaceutica che produce il coumadin:in questo periodo, frequentando settimanalmente il centro prelievi, ho sentito molte persone lamentarsi che si tratta di un farmaco il cui dosaggio è talmente soggettivo, da costringere le persone a ripetere gli esami sistematicamente.

Esiste solo a confezione delle compresse da 5mg. Ciascuno adotta, aiutato dal medico di base, un dosaggio suo personale: io avevo tentato con una compressa al giorno, poco, aumentato ad 1 e mezza, poco.

A questo punto ho provato con una e tre quarti, ma era troppo. Allora un giorno una e mezza ed un giorno una e tre quarti, ancora troppo.

Va tenuto presente che ogni volta che si tenta una soluzione quantitativa diversa, va testata nel tempo e quindi, anche a centrare il parametro giusto, bisogna ripetere gli esami del sangue.

Io alla fine, dopo diversi tentativi sono arrivato ad assumere per due giorni una compressa e mezzo, ed il terzo giorno una copressa e tre quarti arrivando così ad un parametro leggermente alto (rischio di emorragia) ma accettabile.

Perché non farlo granulare ed assumere 10 granuli, 12, 15, a seconda del proprio fabbisogno?

Uno deve comprarsi il trancia compresse ..e mi immagino le persone in difficoltà vuoi per l'anzianità,che per la vista o per tremori alle mani.

You must login to post a comment.
Loading comment... The comment will be refreshed after 00:00.

Be the first to comment.

You are not authorised to post comments.

Comments powered by CComment

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta