Write a comment

Falso allarme

Oggi mi hanno chiamato per la prova generale della maschera necessaria per fare la radioterapia.

Sono partito da casa, teso ma molto deciso.

Si comincia, mi dicevo guidando e poi scendendo al reparto.

L'apparecchiatura, nello studio era quella vista più volte in rete.

Spogliarsi e stendersi sul lettino.

Arrivano infermiere e medico con la maschera, i ricordava un po' la "maschera di ferro": copriva completamente il mio volto da sopra alla fronte a sotto al mento.

Una volta sistemata bene sul viso, è stata chiusa con due leveraggi che mi tenevano assolutamente bloccata la testa, gli occhi rigorosamente chiusi ed un foro per la respirazione.

Penso che ad una persona sofferente di claustrofobia darebbe veramente un grande disturbo.

Il lettino comincia a muoversi, percepisco il movimento da alcuni leggeri scatti e sento le voci dei medici che si scambiano coordinate in tre dimensioni, ogni tanto la macchina, quella sopra alla mia testa, si muove, lo sento dal rumore.

Sopra alla maschera, di tanto in tanto, l'assistente traccia delle linee poi esce dalla stanza e vengo irradiato nuovamente.

Sono andati avanti così per una quindicina di minuti poi basta, silenzio, macchina e letto fermi.

Mi domando cosa sta succedendo e capisco, dal veloce movimento del letto che sta arretrando e scendendo che sto uscendo dall'acceleratore.

Ho pensato che se questa era una seduta di radioterapia, era veramente una sciocchezza.

Una volte abbassato del tutto il lettino, sono stato liberato dalla maschera e mi hanno chiesto com'é andata,  ridendo gli ho detto che la prossima seduto avrei lasciato la barba lunga perché così, appena rasata, graffiava un po'.

Con disappunto sono venuto a sapere che quella era proprio solo una seduta di prova e che il trattamento sarebbe cominciato da qui ad una quindicina di giorni.

Sono rimasto senza parole, deluso, amareggiato, depresso.

Ho inviato un messaggio a Milli con scritto "era solo ancora una prova se ne riparla ai primi di marzo".

Credo che lei abbia capito la mia delusione perché non mi ha risposto, direi proprio un "no comment".

Ogni tanto rifaccio i conti di quanto manca alla fine del tunnel e, quando vedo che l'uscita si allontana, mi prende lo sconforto ma come al solito mi "comunico" che non ho alternative, prendere o lasciare e mi conviene proprio prendere.

You must login to post a comment.
Loading comment... The comment will be refreshed after 00:00.

Be the first to comment.

You are not authorised to post comments.

Comments powered by CComment

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta