Write a comment

La mia patente di guida era giunta a scadenza "naturale" e per naturale intendo quella stabilita dalle legge:

  • Rinnovo ogni 10 anni fino all’età di 50 anni.
  • Rinnovo ogni 5 anni per età comprese tra i 50 e i 70 anni.
  • Rinnovo ogni 3 anni per età comprese tra i 70 e gli 80 anni.
  • Rinnovo ogni 2 anni per età superiori agli 80 anni

Io non avevo ancora cinquant'anni di età ma la patente di guida, assieme al portafogli, al cellulare ed altri oggetti personali, mi erano stati rubati in ospedale, durante l'intervento che ho subito nel 2004 e quindi avrei dovuto sporgere la denuncia di furto e fare il conseguente rinnovo o verifica del'abilità alla guida.

Fatto sta che mi sono rivolo ad una agenzia per svolgere le varie pratiche. Mi sono però sbilanciato allo sportello perché alla domanda se assumessi psicofarmaci, ho risposto di si, quelli per la Sclerosi Multipla.

Io non ero più una "conducente normale": la mia patente di guida era soggetta ad approvazione della Commissione Medica dell' Ispettorato della Motorizzazione Civile.

Sono andato e mi viene spiegato

che devo avere una certificazione medica rilasciata da un neurologo che attestasse il mio stato psicofisico,

che avrei dovuto pagare alcune tasse

che avrei dovuto prendermi un appuntamento per la visita in Commissione.

E così ho fatto. Non avevo compreso che il tutto doveva essere a totale carico economico mio e non del Servizio Sanitario Nazionale e quindi sono rimasto sconcertato nel sentirmi richiedere il pagamento della visita neurologica destinata allo scopo. Ugualmente per i due versamenti da effettuare per l visita, ma non ritenevo di avere alternative. L'appuntamento lo avevo preso e quindi si trattava di aspettare la chiamata.

Giorno, ora rigorosamente prefissate ed è arrivato anche il mio turno.

Un po' emozionato per quanto poteva aspettarmi, entrai alla prima fase della visita

"Si tolga gli occhiali e legga le lettere sul tabellone"

"Guardi che senza occhiali non vedo nemmeno il tabellone"

"Si rimetta gli occhiali, copra un occhio alla volta e legga" ( E tra se e se " A questo devo far fare il campo visivo")

"O -R-H-S-T "

"Bene, si accomodi fuori ed attenda di essere chiamato per la seconda parte della visita"

 

 

 

Me ne sono tornato nel corridoio adibito a sala d'attesa ad aspettare ed intanto riflettevo sul fatto che la "misurazione della vista" era stata molto superficiale: io gli occhiali per guidare era da anni che li stavo usando e poi, di visite così ne avevo fatte tante e soprattutto meno banali. Ho pensato che, forse, il difficile sarebbe venuto in seguito.

Seconda chiamata, due persona davanti a me, una mi identifica chiamandomi per nome e data di nascita l'altra mi invita a sedermi difronte a lui, quasi come dovesse trattarsi di una visita otorinolaringoiatrica: eravamo a non più di quaranta centimetri tra un viso e l'altro.

"Il suo piede sinistro sopra la mia scarpa destra e viceversa"

"Come " chiesi

"Come se il mio piede sinistro fosse l'acceleratore ed il destro la frizione"

 Si, ma ... le pesto i piedi "

" Lei non si preoccupi "

Con un po' di delicatezza, ma con molto imbarazzo, misi le punte dei miei piedi sopra ad i suoi pensando bene se avessi per caso pestato qualcosa di strano prima della visita ma non mi ricordavo di nulla. Quando ero in posizione, (mi veniva da ridere nel considerar quella scenetta, noi due difronte ed io con i piedi sopra ai suoi) mi ha detto

" Adesso acceleri "

Ho riposto schiacciando il mio piede destro sopra al suo sinistro ...

" Ok, adesso freni "  

Ho tolto il mio piede destro dal suo sinistro e col mio destro sono salito sopra al suo sinistro e li mi sono divertito a fare una bella frenata a fondo .... Non ha battuto ciglio

" Adesso schiacci la frizione "

Cominciavo a divertirmi quindi via i il mio destro dal suo sinistro e dentro col mio sinistro sul suo destro mentre il destro ( mio ) rimaneva a riposo ...

" Bene " mi ha detto " Ha un buon controllo della pedaliera, per me va bene ". Si accomodi in sala d'attesa ( corridoio ) ed attenda la chiamata della Segretaria ".

Se mi fosse stato raccontata la visita, credo l'avrei preso per uno scherzo. Alla fine mi ha chiamato la Segretaria per dirmi che mi avevano imposto l'obbligo di guida con occhiali e che avrei dovuto integrare la documentazione medica con una verifica del campo visivo a 120° bioculare. Nulla che mi preoccupasse in modo particolare. solo la scocciatura di dovermi recare da un oculista e ... pagare anche questa visita.

 

 

 

 

 

You must login to post a comment.
Loading comment... The comment will be refreshed after 00:00.

Be the first to comment.

You are not authorised to post comments.

Comments powered by CComment

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta